VegTimes informa

Tutte le informazioni fornite da questo sito sono di natura generale, a scopo divulgativo e non sostituiscono i consigli di un medico abilitato. Vegtimes.it riporta tali informazioni da fonti autorevoli e sempre citate esplicitamente.

feed-image RSS Feed

I canadesi non vogliono lavorare nei mattatoi

Vota questo articolo
(0 Voti)

Nonostante la crisi economica, pare che attualmente in Canada ci siano nei mattatoi circa mille posti vacanti.

Il motivo è che nessun canadese è disposto a lavorare in un contesto in cui si debbano uccidere animali al ritmo di un batter di ciglia.

Il Canadian Meat Council, l’associazione dei produttori di carne canadese, ha pensato di risolvere questo "problema" con l'assunzione dei rifugiati, gente probabilmente disposta a tutto pur di non essere rimpatriata.

Questo dimostra che i mattatoi sono luoghi dove una persona sana di mente non potrebbe resistere, a meno che non sia disperata.

Mi chiedo però se le stesse persone che non accetterebbero mai di lavorare in un luogo simile siano anche consapevoli del fatto che quello di cui si nutrono, gurdando la televisione o godendo della compagnia di altri commensali, il più delle volte è il prodotto di tutta quella morte.

Se così fosse e se tutto ciò avesse portato a riflettere sulle scelte alimentari e a decidere di cambiare dieta, allora si che questa sarebbe una grande notizia. Non avere il coraggio di assistere alle torture inflitte agli animali, non sopportare gli sguardi atterriti, i lamenti di dolore, la vista e l'odore del sangue, è poca cosa se si continua a mangiare la carne (o il pesce o i derivati).

Non avere l'indole di un serial killer non vuol dire non essere complici di efferati omicidi di massa. Non essere disposti a uccidere o assistere a scene raccapriccianti, ma accettare che ciò avvenga e continuare a mangiare cadaveri sarebbe un enorme nonsense.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Copyright © VegTimes.it - 2012 - Tutti i diritti riservati - Materiale utilizzabile citando la fonte