VegTimes informa

Tutte le informazioni fornite da questo sito sono di natura generale, a scopo divulgativo e non sostituiscono i consigli di un medico abilitato. Vegtimes.it riporta tali informazioni da fonti autorevoli e sempre citate esplicitamente.

feed-image RSS Feed

La lana non puo' essere nel nostro stile

Vota questo articolo
(0 Voti)

L'industria della lana, anche se in maniera meno eclatante rispetto a quella delle pellicce e della pelle, nasconde anch'essa sofferenza e morte. Per questa ragione i capi di lana non possono essere nel nostro stile.

Questi sono alcuni dati su cui riflettere prima di rinnovare il guardaroba:

- In natura le pecore non hanno bisogno di essere tosate perchè producono una giusta quantità di lana che le protegge dal freddo e dal caldo. Di solito le pecore vengono tosate in primavera ma per evitare il rischio che il pelo invernale venga perso si comincia prima e l'animale rischia di morire per il freddo.

- La maggior parte delle pecore da lana merino sono allevate con dei sistemi che rendono la loro pelle rugosa e soggetta al ”Flystrike“, un'infezione causata dalle larve delle mosche che, per l’accumulo di umidità e di urina, trovano nelle pieghe della pelle un ambiente favorevole. Queste larve cominciano letteralmente a mangiare vivo l'animale e l'unica soluzione intrapresa è l'asportazione a vivo di grossi pezzi di pelle dalla zona intorno alla coda e sulla parte posteriore delle gambe.

- La maggior parte dei tosatori di pecore sono pagati a volume quindi per guadagnare di più devono lavorare velocemente a discapito dell'incolumità dei poveri animali.

- Prassi nell'industria della lana sono la castrazione, il taglio della coda e la decornazione senza anestesia.

- Quando il ciclo produttivo della lana diminuisce le pecore, così come le capre, i conigli e l'alpaca, vengono destinate alla macellazione.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Copyright © VegTimes.it - 2012 - Tutti i diritti riservati - Materiale utilizzabile citando la fonte